lunedì 28 novembre 2011

Cicciolina ed il cavallo, è solo una leggenda metropolitana: le prove

La nostra inchiesta di oggi riguarda una delle pornostar più celebri della storia e di una leggenda metropolitana al suo riguardo: Ilona Staller, in arte “Cicciolina” ed il presunto rapporto sessuale avuto con un cavallo durante la registrazione video di un film hard. La storia, durante il corso degli anni, si è anche arricchita di particolari, più o meno inventati, che vorrebbero anche l’attrice aver subito ferite gravi alle pareti uterine in seguito alle riprese e che, per questo, sarebbe stata necessaria l’applicazione di vari punti di sutura interni per riparare il danno.Il mito che è venuto a crearsi riguardo l’argomento, tuttavia, è da sfatare: il rapporto tra l’attrice e l’equino non è mai avvenuto ed andiamo a raccontare ora come si è generato.

Il tutto nacqua quando, nel 1986, l’attrice girò un film vietato ai minori dal titolo “Cicciolina Number One” (o “Cicciolina numero uno”, come recita il poster in apertura): la storia è un intreccio di varie storielle che si riuniscono alla fine per dare luogo ad una numerosa orgia ed una di queste storielle presenta un caso di zoofilia. Durante questa scena alcuni attori, tra cui Cicciolina stessa, assistono ad un rapporto che una donna, interpretata dall’attrice Denise Dior (nota negli anni ’80 per le sue performance proprio con gli animali), ha con un cavallo. L’attrice coinvolta, quindi, non è Cicciolina ma Denise Dior, nome d’arte di Paola De Simone, oggi pressochè sconosciuta.

Cicciolina stessa, in più occasioni, ha confermato di non aver mai avuto rapporti con alcun genere di animale: lo ha fatto durante un’intervista rilasciata al programma televisivo “Le Iene” nel 2007 ed un’altra al programma radiofonico “Lo Zoo di 105″ nel 2008, quando specificò inoltre che, durante le riprese del film, il rapporto con il cavallo fu solo simulato dall’altra attrice, quindi nulla che potesse in qualche modo ferirla, perciò si smentisce anche la seconda parte della leggenda metropolitana.

Commenti