venerdì 11 novembre 2016
scritto da Valeria Cozza

The desert of Maine: il deserto che non è un vero deserto

Quando si viaggia, si conoscono molti posti davvero speciali. Questo deserto si distingue da tutti gli altri per un motivo molto particolare.

(MAINE – USA) – I deserti sono delle aree della superficie terrestre, spesso disabitate, caratterizzate da un’altissima pressione atmosferica, pochissima vegetazione e un terreno molto arido. Il deserto caldo più grande del mondo è il Sahara, che può vantare una superficie di ben 9.000.000 chilometri quadrati. Con l’articolo di oggi, ti vogliamo presentare un deserto davvero molto speciale che si distingue da tutti gli altri per un motivo molto particolare. 


Stiamo parlando del Deserto di Maine, che si trova in un paesino degli Stati Uniti d’America che si chiama Freeport. Si tratta di una superficie davvero particolare perché, in realtà, non è un vero deserto, anche se viene considerato come tale. Non può essere considerato un vero e proprio deserto perché, ogni anno, grazie alla grande quantità di precipitazioni che caratterizzano la zona in cui si trova, la superficie è circondata da molta vegetazione (cosa non comune per un normale deserto).

Il deserto è nato dopo che, nel 1797, una famiglia ha deciso di comprare la zona, in cui oggi si trova deserto e ha iniziato a coltivare vari prodotti. La mancata cura nei confronti del territorio, ha causato l’erosione del suolo che ha formato uno strato di sabbia molto simile a quella del deserto. Pian piano, la sabbia si è diffusa si è sempre di più, ricoprendo tutto il territorio. Nel 1919 il “finto” deserto è stato venduto ad un’altra famiglia che lo ha trasformato in una vera e propria attrazione turistica. Oggi, questo posto attira l’attenzione di molti turisti e offre anche un museo della sabbia e un negozio di souvenir.