lunedì 19 dicembre 2016
scritto da Valerio Guiggi

Sapevi che la Russia e gli Stati Uniti distano solo 4 Km tra loro?

Se guardiamo una cartina grografica, scopriamo che la Russia e gli Stati Uniti distano tantissimo tra loro, tanto che ci vogliono diverse ore per andare da uno stato all’altro. E se ti dicessi che non è così?

No, non sono impazzito. Anche se la frase che leggi nel titolo, e cioè che Russia e Stati Uniti distano solo 4 km tra loro, mette in discussione tutte le certezze che ti hanno insegnato alle scuole elementari, in realtà una delle conseguenze del fatto che la terra sia rotonda, mentre noi la guardiamo sempre su una cartina quadrata. Infatti, nel punto in cui la Russia e gli Stati Uniti sono più vicini ci sono solamente 4 chilometri di distanza.

Guardando la terra dal Polo Nord, infatti, notiamo che la punta più occidentale dell’Alaska, che fa parte degli Stati Uniti, e la punta più orientale della Siberia in realtà quasi si toccano, e ci sono solamente 95 Km di distanza tra uno stato e l’altro. Ma all’interno dello stretto ci sono due isole, disabitate, che sono le isole Diomede, la Grande Diomede e la Piccola Diomede, appartenenti rispettivamente proprio alla Russia e agli Stati Uniti. Tra queste due isole ci sono circa 4 chilometri di distanza, e da questo consegue che tra le due superpotenze, storicamente nemiche, c’è meno distanza che tra due città italiane.


Anche se questo è sconosciuto alla maggior parte delle persone, in realtà i Russi e gli Americani lo sanno molto bene, tanto che in piena guerra fredda una nuotatrice provò ad attraversare a nuoto questo tratto di mare, alla temperatura di 5 gradi dell’acqua (siamo sempre al Polo Nord!) riuscendo di fatto a raggiungere dalla Russia gli Stati Uniti a nuoto: un’impresa che per i russi fu molto d’ispirazione, mentre in America passò praticamente inosservata.

Successivamente, poi, ci sono state una serie di idee per unire le due nazioni, ad esempio formando una diga tra le due isole oppure un sottopassaggio che collegasse le due nazioni, anche se queste cose poi sono cadute nel nulla. Ma l’idea di creare un passaggio tra Siberia e Stati Uniti non è venuta all’uomo: infatti, gli storici pensano che durante l’ultima Era Glaciale si sia aperto un passaggio in questo punto, e la Siberia sia stata direttamente collegata con l’Alaska: sarebbe stato proprio sfruttando questo passaggio che l’uomo sarebbe giunto in America ben prima dell’impresa di Cristoforo Colombo.

Ma la cosa più curiosa riguardo a questo tratto di mare così particolare è la differenza di orario: per come sono messi i fusi orari, quando sull’isola russa sono le 5 di pomeriggio, su quella americana sono le 2… Del pomeriggio precedente! Ci sono infatti ben 21 ore di differenza tra queste due isole, così vicine ma, volendo, così lontane. In pratica, spostarsi dall’una all’altra, cosa che in barca richiede pochi minuti, torniamo un giorno nel passato (o andiamo un giorno nel futuro: scoperte incredibili che si fanno leggendo solo una cartina geografica!