Se non fermeremo i cambiamenti climatici molte città italiane scomparirebbero: ecco quali!


venerdì 11 novembre 2016
scritto da Valerio Guiggi

I cambiamenti climatici potrebbero portare ad uno sconvolgimento che provocherebbe la scomparsa di molte città italiane. In questo articolo le devastanti immagini di che cosa potrebbe succedere al nostro paese.

La difesa dell’ambiente dovrebbe essere una delle priorità più alte che dovremmo avere, in questi anni. Le politiche ambientaliste, come ben sappiamo, sono molte, ma se non le rispettiamo sia come istituzioni sia come privati cittadini, le conseguenze potrebbero essere a dir poco devastanti. E per capire cosa potrebbe auccedere concretamente, uno studio di un’agenzia americana ha provato a creare una mappa in cui vengono mostrate le conseguenze dei cambiamenti climatici e, più precisamente, dell’innalzamento del mare. Se andiamo a guardare l’Italia, scopriamo da questo studio che molte delle nostre città sono destinate ad essere sommerse completamente.

image

Le città costiere sono quelle più a rischio di tutte le altre, perché più vicine al mare ma più in generale perché molte zone del nostro paese sono ad un livello che è solo di pochi centimetri superiore rispetto al livello attuale del mare. Insomma, se non daremo un taglio netto alle emissioni di CO2 il livello del mare potrebbe arrivare ad alzarsi di ben 17 cm, che possono sembrare pochi ma, per avere un’idea, sono quelli che si verificano a Venezia quando c’è l’acqua alta. La città diventa impossibile da vivere.

image


Tra le città più a rischio una è la nostra capitale, Roma. In realtà, il centro della città non verrebbe toccato più di tanto ma tutta l’area costiera, tra cui Fiumicino e il suo aeroporto, scomparirebbero completamente costringendo tutti gli abitanti a spostarsi in altre zone, e creando danni impossibili da quantificare. Altra zona molto a rischio è quella sarda nei dintorni di Oristano, perché anche qui scomparirebbero interi paesi. Anche le città di Genova e Grosseto scomparirebbero.

image

E poi una delle situazioni più devastanti, che in parte peraltro stiamo già vivendo, è quella di Venezia. I problemi della città con il mare li abbiamo tutti ben presenti, ma qui sarebbe tuttta l’area costiera ad essere completamente spazzata via, riducendo di fatto le dimensioni della Pianura Padana e costringendo milioni di persone che abitano da queste parti a spostarsi. E comunque, secondo questo studio, il destino di queste zone sarebbe già segnato anche (come si vede dall’immagine di sinistra) da un taglio estremo nella produzione di CO2, e tutto quello che possiamo fare è limitarlo.

image

Infine emblematica è la zona di Pisa, dove la torre potrebbe diventare una torre marina. La città, che si trova praticamente al livello del mare, verrebbe completamente sommersa, e sparirebbe completamente, con solo il centro che potrebbe essere salvato ma solamente se limitiamo lo scioglimento dei ghiacciai e quindi l’innalzamento della temperatura terrestre. Immagini che fanno riflettere molto, quando ci viene mostrata la situazione attuale delle nostre abitazioni, su quanto potremmo fare per ridurre i danni ambientali nel prossimo futuro. Se non lo facciamo, le immagini sul futuro sono chiare.