venerdì 9 dicembre 2016
scritto da Valerio Guiggi

Nasce in Giappone l’hobby più avvincente del mondo: l’osservatore di muschio!

Negli ultimi anni, in Giappone, sono nati i gruppi di “osservatori di muschio”, persone che si riuniscono in particolari posti per osservare il muschio che cresce sugli alberi e sulle pietre antiche. Un hobby a detta loro avvincente, ma secondo noi…

Quando non si sa cosa fare se ne inventano davvero di tutte, compreso trovare avvincente quello che avvincente, per opinione comune, non è. Si, perché i Giapponesi sembrano aver trovato un nuovo hobby che, da qualche anno, è diventato estremamente popolare nel paese, tanto che si organizzano visite guidate per effettuarlo: parliamo dell’osservatore di muschio, persone che per passione vanno nei boschi, ma anche nei pressi dei laghetti, a non far altro che osservare il muschio.

Tutto è nato assolutamente per caso quando un hotel, evidentemente a corto di idee interessanti, ha proposto come attività ai propri ospiti (facoltativa) proprio l’osservazione del muschio che circondava la struttura. Probabilmente era solo un modo per riempire un buco per ospiti annoiati, ma l’idea ha avuto un successo davvero incredibile: oggi, infatti, l’albergo è conosciuto proprio per i suoi tour organizzati ad osservare muschio, e molti altri hanno preso spunto da esso per organizzare gite simili in diverse località. E non si tratta di escursioni nel bosco in cui, ovviamente, si guarda il muschio come tutte le altre cose: i partecipanti vengono portati in uno spiazzo e rimangono lì, a guardare.


Tra i partecipanti si trovano persone di ogni tipo: si va dagli esperti accademici che si occupano di botanica, per cui il tour potrebbe avere un senso dal punto di vista professionale, a semplici appassionati della natura o della fotografia, che fotografano il muschio più bello che riescono a trovare. Tra i curiosi ci sono anche delle persone che sono rimaste così entusiaste dei tour precedenti da voler ripetere l’esperienza in altre occasioni e, ovviamente, in altri luoghi.

Gli osservatori di muschio dicono che guardarlo fa dimenticare la frenesia della vita di ogni giorno, per cui questa attività potrebbe essere paragonata ad una meditazione, mentre altri dicono che dopo un certo numero di sessioni di osservazione si diventa più bravi a distinguere i colori delle foglie del bosco, un’abilità della quale certamente non si può fare a meno. L’idea è diventata popolare in particolare tra le donne che, essendo più emotive degli uomini, riescono a “percepire le emozioni” che le piante sprigionano.

I più contenti di questa nuova attività, però, sono sicuramente coloro che organizzano le gite nei boschi, o presso i monumenti sacri sui quali sia cresciuto del muschio, o ancora presso i templi: non devono lavorare come guida turistica, né spiegare nulla, perché queste persone vogliono solo essere accompagnate e poi lasciate in pace. Un’attività incredibile e, secondo loro, avvincente: qui da noi si dice che quando una persona è noiosa “le cresce il muschio addosso”, ma evidentemente i giapponesi non la pensano così.