L’incredibile “pavimento usignolo”, il sistema di allarme dei samurai giapponesi contro i ninja!


venerdì 4 agosto 2017
scritto da Valerio Guiggi

In Giappone, in passato, veniva utilizzato nelle magioni un sistema di allarme davvero singolare: quando una persona passava sopra ad un pavimento, questo emetteva un suono simile a quello di un usignolo.

Tutti noi, oggi, siamo abituati ai sistemi di allarme moderni che ci permettono di sapere se qualcuno è entrato in casa nostra, così da poter sventare furti in appartamento. I dispositivi di sicurezza appartengono all’età moderna, e si basano generalmente sulla tecnologia, ma in realtà la sicurezza delle abitazioni è una cosa che affonda le sue radici nella storia. In particolare, in alcune magioni giapponesi, di proprietà dei signori dei feudi, erano presenti dei particolari pavimenti, detti “pavimenti usignolo” o “nightingale floor”, che costituivano un incredibile sistema di allarme contro le invasioni in particolare dei ninja, i mercenari dell’epoca.

I pavimenti sono ancora visibili oggi in alcune strutture turistiche, perché perfettamente conservati, ed è possibile anche provare con i nostri piedi che è impossibile camminarci sopra senza che emettano un rumore. Questi pavimenti, infatti, sono costruiti con tavole di legno, che attraversano i corridoi da una parete all’altra e quando una persona, con il suo peso, ci passa sopra, queste si piegano leggermente sotto il suo peso. Si piegano per abbassarsi solo di pochi millimetri, ma sono sufficienti ad attivare l’incredibile sistema di allarme.


Infatti, sotto a queste tavole sono stati inseriti dei chiodi che non servono a sorreggere la struttura, ma sono utili perché emettono un suono simile a quello di un usignolo che canta (da qui il nome del sistema). Il capo del chiodo, che scende di alcuni millimetri come la tavola, è infatti in contatto con una placca metallica, e quando scende lo sfregamento produce un rumore di stridio. Visto che i chiudi, nella parte inferiore delle tavole (non visibile nel corridoio) sono tanti, un solo passo è già in grado di emettere un rumore fortissimo.

Questi corridoi erano disposti intorno alle stanze più importanti del palazzo, ovvero dove si trovava il signore (il Samurai) e dove si trovavano i documenti e le ricchezze. In questo modo, nessuno poteva avvicinarsi alle parti più delicate senza essere sentito, e questo sistema era particolarmente utile contro i mercenari migliori dell’epoca, in grado tra le altre cose di muoversi silenziosamente: in questo caso non era possibile, perché bastava anche un solo passo sbagliato, su uno di questi pavimenti (che, ovviamente, non si sapeva quali fossero) per rivelare la propria presenza.

Il posto più famoso dove si può ammirare questo tipo di pavimento, provando anche a camminarci sopra, è il castello Nijo di Kyoto, costruito come residenza signorile, ma non è l’unico, perché questo tipo di pavimento è disponibile in tantissime dimore di vario tipo, che si trovano in tutto il Giappone. Un sistema di allarme storico davvero incredibile, se consideriamo anche un’importante aggiunta: ogni corridoio era progettato per emettere un rumore leggermente diverso, così che i soldati sapessero subito dove si trovava l’intruso!