Questo ragazzo ha visitato tutte le nazioni del mondo continuando a lavorare


venerdì 21 agosto 2015
scritto da Irene Maria Dianda

Questo ragazzo norvegese non spreca un minuto a pensare sul da farsi per il prossimo weekend: sicuramente sarà in viaggio. All’età di 37 anni ha visitato già 198 paesi, diventando famoso per essere un giramondo per hobby.

NORVEGIA – Questo ragazzo nato in Norvegia ha progettato meticolosamente ogni singolo giorno delle sue ferie dal lavoro perché a 37 anni ha già visitato 198 paesi del mondo. Gunnar G. comincia a viaggiare all’estero con la sua famiglia: all’età di appena 1 anno si reca in vacanza in Grecia. Poi da adolescente decide che è meglio proseguire da solo e a 17 anni viaggia con un Interrail insieme ad un amico fermandosi in 13 tappe diverse in tutta Europa. Ti ricordi quel barbuto statunitense che girava il mondo in bici per 6 mesi all’anno, lavorando il resto del tempo? Anche Gunnar è un giramondo provetto, ma nel fine settimana.


Ma come fa tutta questa gente a permettersi mesi e mesi sabbatici dalla quotidianità? Anche Gunnar come lo statunitense non ha particolari segreti. Ai giornalisti racconta che cerca di viaggiare all’estero non appena gli è possibile, ad ogni vacanza, permesso di soggiorno e anche nei weekend. C’è da dire che i contratti di lavoro in Norvegia, dove attualmente lavora in pianta stabile, prevedono ben 5 settimane di ferie, pagate naturalmente, che sommate a 2 settimane di feste nazionali varie ammontano a quasi 2 mesi interi di permessi a disposizione.

Come per il ragazzo che viaggia in bicicletta, il trucco per permettersi tutti questi viaggi soprattutto in paesi lontani è semplicemente volerlo e risparmiare. Semplice, no? Come afferma Gunnar, innanzitutto l’importante è trasportare con sé solo l’essenziale: bagagli, borse, valigioni non servono a niente per visitare altre culture o per staccare la spina. Anche i soldi sono relativi perché per dormire si può trovare un divano libero su CouchSurfing, un sito web che è più una community di persone sparse in tutto il mondo che cerca o offre il divano di casa gratis per una notte o due.

Questo è anche un modo per farsi nuovi amici o trovare una guida economica per visitare la nuova città. Ovvio che per usufruire di questo tipo di servizi, come altri simili, cioè andare a dormire in casa di uno sconosciuto, è necessaria anche una discreta apertura mentale di cui alcuni popoli sono totalmente sprovvisti ma la cosa che permette al norvegese di farsi amici in tutto il mondo, ottenere inviti a feste, cene o gite in montagna è l’adozione di un atteggiamento molto semplice: sorridere sempre, cercare di essere amichevole e spensierato con gli altri.

Infatti in tutte le sue foto si mostra con un sorriso a stampo con alle spalle paesaggi noti di tutto il mondo. Gunnar si è fatto conoscere sul web per essere il più giovane giramondo per hobby. Solo 2 anni fa ha raggiunto l’ultima tappa della sua fatidica lista da 198 paesi che ha scelto con un metodo decisamente personale. Ha aggiunto alle 193 nazioni dei paesi membri delle Nazioni Unite lo stato del Vaticano, la Palestina, il Cossovo, il Sahara Occidentale e l’isola di Taiwan. Ma dopo tutti questi anni passati a conoscere culture, cibi e paesaggi nuovi, Gunnar ha deciso di rimanere fedele alla sua madre patria e non ha mai abbandonato il suo posto di lavoro.

Nel suo libro recentemente pubblicato racconta di tutti i suoi viaggi in più al pazzo progetto di visitare 19 paesi in un giorno solo: Grecia, Bulgaria, Cossovo, Macedonia, Serbia, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Slovenia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Austria, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Francia, Svizzera e finalmente Liechtenstein raggiunti in macchina. Niente male come idea per stare nel traffico tutta la giornata.