lunedì 6 giugno 2011

È nata prima l’automobile o la moto?

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp

Vi siete mai chiesti se sia nata prima l’automobile o la moto? Bè questa è una di quelle domande veramente strane a cui può sembrar molto difficile riuscire a dare una risposta…

Ecco a voi la storia dei due mezzi che ancora ad oggi ci traportano in tutto il mondo comodamente e in sicurezza alla portata di tutti.

A cavallo tra il XIX e il XX secolo, nell’epoca pionieristica del motorismo, il termine “automobile” era usato al maschile e “gli automobili” rappresentavano tutti i veicoli terrestri destinati al trasporto personale, mossi da motori a scoppio, a vapore ed elettrici, quindi esenti da trazione animale o umana. In seguito, l’ambiguità grammaticale ingenerata da “l’automobile”, quale sinonimo del popolare e generico “la macchina”, fece sì che nel linguaggio comune il termine “automobile” assumesse un genere grammaticale femminile.

La prima automobile è stata progettata il 29 gennaio 1886 dal Sig. Karl Benz.

Per quanto riguarda la motoclicletta invece, questo tipo di veicolo veniva definito bicicletto a motore, a causa della sua discendenza dalla bicicletta. Il termine “motocicletta” deriva dal marchio commerciale “Motocyclette” con il quale venne presentato il primo modello prodotto dall’azienda parigina Werner che, per prima, aveva ideato l’applicazione del motore ausiliario a una comune bicicletta, depositando i relativi brevetto e denominazione il 7 gennaio 1897. Il termine “Motocyclette” si diffuse rapidamente e divenne talmente popolare in tutta Europa, già nel primo decennio del XX secolo, da costringere il tribunale di Parigi, per ragioni di pubblico interesse, a cancellare la precedente concessione di esclusività del marchio ai fratelli Werner e riconoscerlo nel pubblico dominio.

La moto è nata quindi 1 anno dopo rispetto all’automobile.

Fonte