Arriva il formaggio d’asina: 800 euro al chilo per gustare il formaggio più caro del mondo


giovedì 1 dicembre 2016
scritto da Valerio Guiggi

Dal latte d’asina, uno dei tipi di latte più benefici del mondo, arriva il formaggio d’asina, che diventa di diritto il formaggio più costoso del mondo. Ci vogliono 800 euro per averne appena un chilo.

I formaggi sono alcuni tra gli alimenti più buoni e più ricercati del mondo. Solo in Italia ne conosciamo tantissime tipologie diverse, ma gli animali che le producono sono essenzialmente tre: la mucca, che è la più diffusa, e poi la pecora e la capra. Non che non esistano formaggi provenienti da altre specie animali, ma spesso ne producono così poco, ed è così ricco di acqua, che farlo è difficile e costoso. E infatti quello che diventa di diritto il formaggio più caro del mondo è proprio il formaggio di una specie non convenzionale, come l’asina.

I benefici del latte d’asina, infatti, sono molto conosciuti: povero di grassi e di proteine, è molto ricco di lattosio e di omega-3, grassi benefici per l’organismo; queste particolarità lo rendono molto simile al latte di donna, ed è per questo che i medici lo consigliano proprio in sostituzione al latte materno quando la mamma, per motivi vari, non lo ha. Un grande limite del latte d’asina è però il suo costo: all’incirca si va sulle 30 euro al litro, per prima cosa perché l’asina produce poco latte, poi perché le mammelle sono piccole e per ottenerlo ci vogliono almeno sei mungiture al giorno, contro le due di mucche e pecore.


Sarà stata forse la vista di tutti questi soldi ad aver indotto una sola fattoria in tutto il mondo a produrne del formaggio: è chiaro che partendo da un latte che costa 30 euro al litro, e considerando che il latte d’asina è così ricco di acqua che per produrre un chilo di formaggio ci vogliono ben 25 litri, il prezzo sale, e sale di molto. Al momento siamo sulle 800 euro al chilo, ma il prezzo potrebbe aumentare se consideriamo la richiesta e la pochissima produzione, al momento.

donkey-cheese-3

Popolarità a questo formaggio che è benefico, si, ma anche incredibilmente caro, è stata data poi da uno dei tennisti più bravi del mondo, che ha pensato di acquistarne una scorta per tutto l’anno, giusto per evitare di rimanere senza, perché pensa che il formaggio possa incrementare le sue prestazioni sportive: insomma, la fattoria ha un bel da fare in questo periodo, e così lui ha tolto a tutti gli altri la possibilità di assaggiare questo formaggio così pregiato.

Insomma, quello che è diventato di diritto il formaggio più caro al mondo, anche se per combinazione aveste voluto assaggiarlo, non potrete farlo: peccato, perché (a detta di chi lo ha mangiato) ha un sapore delicato e un lieve retrogusto alle noci, per cui qualcosa che si accompagnerebbe bene anche ad altri piatti. Ma per adesso le scorte sono esaurite, e dovremo aspettare le prossima mandata. Intanto, si può iniziare a mettere i soldi da parte.