10 incredibili curiosità sui tuoi muscoli che non conoscevi!


martedì 25 ottobre 2016
scritto da Valerio Guiggi

Nonostante li utilizziamo ogni giorno per camminare, correre, parlare, mangiare, guardarci attorno, respirare e pompare il sangue, funzioni essenziali per la vita, non conosciamo a fondo i nostri muscoli come dovremmo: ecco tante curiosità che li riguardano.

In questa lista parliamo dei muscoli. Tutti sappiamo di averli, e sono un organo essenziale per il movimento; qualcuno cerca di farli crescere e rendere più forti del normale, ma in pochi li conoscono a fondo. Per questo, in questa lista abbiamo riunito una serie di curiosità relative proprio ai muscoli, cose che non sapevi su uno degli organi che utilizzi maggiormente ogni giorno: ecco quali sono.

10. La sensazione di cadere durante il sonno

Ti è mai capitato di dormire e svegliarti improvvisamente perché avevi la sensazione di cadere giù? Probabilmente si, perché è successo più o meno a tutti, e la spiegazione dipende dai nostri muscoli. Infatti, quando si entra nella fase più profonda del sonno, i muscoli si rilassano, ma a volte il cervello interpreta questo improvviso rilassamento come una perdita di equilibrio, insomma la interpreta come una caduta. E’ per questo che attiva contemporaneamente tutti i muscoli per contrastarla, e noi abbiamo la sensazione di cadere giù.

9. Una lieve modifica alle nostre orecchie e sentiremmo muovere i nostri muscoli

Quando ci muoviamo, a parte il rumore dei passi, abbiamo sempre la sensazione di essere abbastanza silenziosi. In realtà, le continue contrazioni dei muscoli del nostro corpo emettono dei rumori, solo che il nostro orecchio è incapace di percepirle, perché non in grado di sentire i suoni troppo acuti. Non c’è però da escludere che alcuni animali, come i gatti, riescono a sentirle ed è per questo, probabilmente, che noi non siamo mai troppo silenziosi, per loro.

8. Il muscolo più piccolo del corpo

Il muscolo più piccolo del tuo organismo si trova nell’orecchio, e si chiama Stapedio; la sua lunghezza è di circa un millimetro e si collega ad uno degli ossicini più piccoli del corpo, che è la staffa. Il suo scopo è particolare: serve infatti a bilanciare la pressione sul timpano, evitando che possa rompersi; sembra che il pericolo che lo mette più a rischio non siano però i rumori esterni, bensì uno molto più familiare. La nostra voce.

7. I muscoli (volontari) più forti del corpo

Se pensiamo a quali possono essere i muscoli più forti del corpo, possiamo ipotizzare che siano quelli delle braccia o delle gambe, ma non sono loro. In base alla possibilità di accorciarsi (con cui si può misurare la forza di un muscolo) i muscoli più potenti sono quelli della lingua. Se consideriamo, invece, la forza che riescono a portare verso un corpo esterno sono i masseteri, i muscoli delle guance che servono a masticare.

6. I muscoli (involontari) più forti del corpo

I muscoli non volontari, cioè quelli che non siamo in grado di controllare, sono generalmente molto più forti di quelli volontari, in relazione alla capacità di contrarsi e di accorciarsi tantissimo. Se valutati da questo punto di vista, i muscoli più forti del corpo sono quelli dell’intestino, che permettono il movimento e quindi la progressione del cibo. In sostanza, i muscoli più forti del corpo sono quelli che ci fanno fare la cacca.


5. Quanto è forte il cuore?

Il cuore è un muscolo che ha le caratteristiche della muscolatura volontaria ma è (ovviamente) un muscolo involontario. Un muscolo che batte tantissime volte ogni giorno, che diamo per scontato pur sapendo che, se smettesse, probabilmente non ce ne accorgeremmo. Ma quanta fatica fa il nostro corpo per contrarre ogni volta il cuore? la forza è più o meno quella che facciamo con la mano strizzando una pallina da tennis fino a farla deformare. E’ faticoso, vero?

4. Le dita in realtà non hanno muscoli

I muscoli delle dita sono pochissimo sviluppati, tanto da poter dire che non ci sono. Nonostante questo, le nostre dita sono abbastanza potenti: come è possibile? La risposta è che i muscoli che muovono le dita si trovano nel palmo della mano, e quando si contraggono trainano i tendini che arrivano fino in cima. Con questo meccanismo le dita si possono piegare senza però avere effettivamente i muscoli loro stesse.

3. I muscoli rappresentano il 40% del peso totale del corpo

Tutti sappiamo che non è un bene essere troppo grassi, per i problemi che potrebbero derivare dall’obesità. Eppure, molti cercano di dimagrire troppo, spesso arrivando anche ad avere problemi di tipo opposto. Perché in una persona normopeso i muscoli rappresentano una parte consistente del corpo, circa il 40%. Se a questo aggiungiamo le ossa e gli organi interni, vediamo che al grasso non resta granché spazio: insomma, se sei una persona normopeso non c’è bisogno di dimagrire ancora.

2. I muscoli non possono spingere

Può sembrare paradossale, ma i muscoli possono solamente tirare, mai spingere. Hanno solo due stati: rilassati e contratti, e quando il muscolo è contratto si sta accorciando, mai allungando. E allora come facciamo a spingere le cose? Semplicemente, i muscoli si ritirano dalla parte opposta rispetto a quella a cui si ritirano quando tiriamo qualcosa, e sfruttano le ossa (gambe, gomito) come perno. Provate a spingere qualsiasi cosa e vi accorgerete che nel vostro corpo i muscoli si staranno accorciando, non allungando. Sempre.

1. I muscoli ci aiutano a superare il freddo

Ti sei mai chiesto perché quando hai freddo ti vengono i brividi? Il lavoro muscolare, che in parte si esplica nella contrazione, in parte nel calore (è una legge della fisica) è il principale termosifone del tuo corpo. E’ per questo che quando ti alleni hai caldo, ma è anche il motivo per il quale quando hai freddo inizi a tremare: le tante, piccole contrazioni muscolari che avvengono hanno lo scopo di produrre calore, innalzando la temperatura corporea.